Estate, caldo, sole lucente…….ecco, il cespuglio di lavanda sboccia nella sua completezza ed il lilla dei fiorellini forma una aureola meravigliosa. Questo splendore non può lasciare indifferente l’insetto più volenteroso e generoso che ci sia, l’ape.

Le piccole volatili popolano il cespuglio a centinaia, bottinando ogni fioricino, passando e ripassando in quei minuscoli calici color lilla. Tutto sembra normale, routine si

 ma osservando attentamente si nota come in così poco spazio tutti questi insetti lavorano con una organizzazione impressionante, le une rispettando il lavoro delle altre, il grammo di polline che sfugge alla prima viene raccolto dalla seconda, le corsie di volo vengono rispettate senza “torre di controllo”, il passante-spettatore se, capisce tutto questo e si limita ad osservare, viene guardato con amore senza stimolare i caldissimi pungiglioni!

Tutto ciò diventerà presto miele, propoli, polline e……una volta sulle nostre tavole purtroppo quell’esempio di civile convivenza sarà solo un ricordo scolpito nella mente di quel fortunato passante-spettatore che, se vorrà, potrà testimoniarlo anche nel proprio grigio, rumoroso, freddo, tecnolgoico condominio urabano!